Unless we have the opportunity to experience things firsthand, we are influenced by what we read/hear/see in the media

Ms. Chloé Cipolletta, Program Director, National Geographic East Africa Fund

by Maria Grazia Cangelli

Your work has brought you to Africa, which for many years has become home for you and your family: can you tell us your story?
Although I ended up working and living in Africa, I was not initially drawn to Africa per se. I was born with a passion for animals. As a kid, I spent countless hours watching ants, bringing bread to pigeons and leftovers to stray cats in public parks. By the time I was 18 we had already lived with an array of pet-friends, including hamsters, guinea-pigs, turtles, fish, birds and of course Ugo, our dog. All this in our apartment, in downtown Rome. When the time to choose my university course came, Biology was a pretty obvious choice and from there to knowing I wanted to study animals in the field, it all came very natural. It was with some luck, the good word of a renowned researcher and some audaciousness in writing letters to complete strangers that I was offered the opportunity to study the behavior of wild chimpanzees in Ivory Coast. The catch, I was told: “if you want to come you must commit to staying two years in the field” (while a 3 to 6 months data collection would have been enough for my project requirements). I did not hesitate. Having been offered that opportunity most certainly marked my life and shaped my career. I later understood very well the reasoning behind this time requirement: staying for a short period would have meant that I’d only have time to learn about, rather than contribute to, the project during my stay. Later on I certainly made good use of this lesson learned. Returning to Rome in 1996, my close friend Alberto introduced me to something which had started to become popular during my long stay in the forest: the internet. “You can find anything here, what would you like to find?” I wrote primate + job, and this is how my first internet search landed me to the University of Wisconsin web page Primate-Jobs and in my first job in Africa, working for WWF with western lowland gorillas in the Central African Republic (CAR). So this is really how my story in Africa begun.

For much of your professional life you have worked at the WWF “Primate Habituation Program”: can you explain what the work entailed and what is the relevance of such programs?
The habituation of wild animals is a process which consists of gaining their trust through a series of repeated peaceful encounters with the same individuals. It requires much patience and knowledge of the animals, to locate them regularly and to find the most suitable places/situations to establish the early contacts. These initial encounters are particularly important as they may determine the animals’ perception of the human observers. Habituation is the first step undertaken by most researchers wishing to study primate behavior in the wild and it is the preliminary work needed to develop gorilla tourism, allowing visitors to approach seemingly undisturbed wild gorillas.
This was the focus of my work for 9 years (from 1998 to 2006) with the WWF Primate Habituation Program at Dzanga-Sangha, a protected area complex of over 4,000km2 of tropical forest in the south west of the Central African Republic (CAR). Part of the Congo Basin, Dzanga-Sangha is known for its rich biodiversity, including a high density of large mammals such as elephants, gorillas, forest buffaloes and bongo antelopes.
The objective of the program was to develop a controlled form of gorilla tourism, based on the tracking and viewing of selected groups of western lowland gorillas and other primates. Gorilla tourism has the potential to generate significant revenues, crucial for the management and protection of the specific areas where gorillas survive—as is demonstrated quite well in east Africa, where mountain gorilla tourism earns millions of dollars annually. Most programs also include a system of revenue sharing whereby a set percentage of tourism fees (10% at Dzanga-Sangha) is allocated to a community fund for projects of public interests, aimed at reducing local dependence on the unsustainable use of forest resources and increasing the support for the protection of the area. Gorilla tourism also helps raising the profile of a specific area at the national and international level, generally leading to additional support for its protection. It does not however come without risks, including increased risk of disease transmission, of stress-induced illness and increased vulnerability to poaching as gorillas stop fearing humans. These risks must be carefully evaluated and addressed before initiating such programs and sustained throughout time, adhering to the IUCN guidelines for best practices in great apes tourism.
Throughout their range gorillas are threatened and Dzanga-Sangha is no exception: illegal hunting and habitat loss and degradation are the most pressing threats. In this context, gorilla tourism is one of the activities implemented within the broader goal to protect the forest ecosystem and to promote well planned sustainable development which does not deplete the natural resources.
Today it may seem surreal to imagine gorilla tourism in the CAR, when for the last 4 years the focus of the news (the few news from CAR anyhow) has been the civil war which has ravaged the country, claiming a high death toll, displacing hundreds of thousands of people and worsening the already precarious conditions the country was in before the conflict. Yet as incredible as this scenario seems, with continued support from WWF throughout the war, the Dzanga-Sangha staff has somehow secured the protection of the site including that of the gorillas, which by now have been viewed by thousands of visitors. It is a small light in the midst of a very dark situation: there is at least a very practical reason to protect this resource which in time of peace will be able to secure jobs and generate much needed income.

You are presently the Program Director for the National Geographic East Africa Fund: what are your main tasks in this role?
National Geographic Society is widely known for the magazine, documentaries and the TV channel. Few people know that it is actually one of the largest nonprofit scientific and educational institutions in the world, providing grants to support science, exploration and conservation worldwide. The East Africa Fund was established in 2015 with the objective to increase research and conservation opportunities in the East Africa region (including Uganda, Kenya, Tanzania, Rwanda, Burundi and DRC). Research findings, conservation achievements and challenges reported by our grantees have the unique opportunity to reach a global audience through our international publishing partners and extensive social media programs. In my role, I reach out to regional institutions and individuals involved in research and conservation in the area, presenting the grant program and identifying sound research and conservation projects which should be encouraged to apply. I am presented with a variety of research questions and conservation approaches people in the area are testing, implementing or would like to initiate: I review their drafts or “pre-applications” and, when needed I provide feedback to improve the application, also when projects are rejected (to explain why they were rejected, in order to help improve capacity to design stronger projects). We have a particular focus on building capacity for grant writing, given that many actors are already effectively engaged on the ground but may be less competitive when applying internationally for a grant, due to limited language and presentation skills.

What did you think of Africa before going to live there and how did your personal experience shape your perspective?
Thankfully, I don’t think I had a well-formed, preconceived idea of “Africa” before arriving in the continent. Having had the chance to live and visit several countries in Africa makes it even harder to think of Africa as one. My experiences in Cote d’Ivoire, the Central African Republic and Rwanda (to name a few) are completely different and my perspective is still being shaped as I write today, from Kigali, Rwanda. I can however say that what is mostly shaping my perspective is not so much linked to the political boundaries, but to the environmental, social and economic context I have found myself in. Living in the middle of a forest, in a village or in a city has exposed me to drastically different ways of life and of interaction with people. In Cote d’Ivoire I lived for 2 years in the forest, very isolated from what surrounded the park, but in daily contact with chimpanzees that I had come to know more than my human neighbors. It was a beautiful and intense experience but one which I came out of knowing I did not want to continue in an exclusive way: I wanted to also be an active part of society. In CAR, while still living in the forest and regularly following gorillas, I felt close to the BaAka community, mostly through the workers and their families, involving myself where I could in initiatives outside the gorilla program. Witnessing the perspective of hunter-gatherers at the cross-road with ‘modernization’ (relative to the CAR reality…) has shaped my perspective on human-kind more than on Africa. I have felt awe, admiration, despair, disappointment and disillusionment often simultaneously. Today, I live in the safety and comfort of Kigali, a relatively modern city which strives to be part of The Future. Life here could not be more different from what I experienced in CAR. As a significant example, the overwhelming feeling of hopelessness, that nothing is ever going to change is here replaced by a strong drive to get somewhere and a pride in what has been achieved. One of many striking contrasts.
So, overall I try to keep an open mind, looking at each context without idealizing or demonizing it, trying to understand some parts of it from my limited perspective.

What do you think people in the West have difficulty to understand of Africa in general and of Rwanda in particular?
In general I think that, unless we have the opportunity to experience things firsthand, we are influenced by what we read/hear/see in the media. It seems that for a long time the mainstream media in the West chose to focus on a limited perspective when covering news from the continent, mostly focusing on wars, famines and more recently terrorism. Thus I am not surprised that people still react worriedly when I say I live in Rwanda, because the first thing that comes to their mind is the genocide. That this happened over 20 years ago and that since, the country has made tremendous efforts and reached significant development achievements does not seem to make the news somehow. Nor that actually Rwanda is a very safe place today.

Do you miss Italy? What are your projects for the future?
I can’t say that I miss Italy, as it has not been part of my everyday life for over 20 years. However, each year I have returned home, even if often for a 2-3 weeks visit. And while the main drive has been to be with my family and friends I am certainly glad that, being originally from Rome, visiting family also means getting a breath of the culture and history which is an important part of my identity.
As for the future, it’s hard to say, but I will figure it out with David, with whom I have shared my life over the last 18 years and with our son Sami, who’s now a happy 7 years old with dreams of living in a village (though for those who know it, that may also be the influence of Minecraft!).

Le imprese più inclusive sono di certo le più competitive

BOnBoard intervista il deputato del Partito Democratico (PD) Khalid Chaouki

“Le imprese più inclusive sono di certo le più competitive e un approccio alla gestione delle risorse umane finalizzato alla valorizzazione delle differenze di cui ciascun individuo è portatore è certamente una strategia vincente”

1)      La Camera dei deputati ha approvato lo scorso ottobre la riforma della legge sulla cittadinanza, questo sarà il primo passo per creare veramente una società multiculturale di diritto:

A – Come cambierà a livello pratico la vita di queste persone?
La vita di queste persone cambierà di molto, e in meglio. Basti pensare che nelle scuole italiane negli ultimi 15 anni il numero di studenti di origine straniera si è quadruplicato, arrivando a 800.000, di cui la maggioranza è rappresentata da giovani appartenenti alla cosiddetta “seconda generazione”. Sono giovani dall’identità spesso frammentata, figli di un’Italia che fino ad oggi non li ha mai pienamente riconosciuti.  Ragazzi che rischiano di non sentirsi davvero italiani, perché non hanno i diritti connessi al riconoscimento della cittadinanza. Soprattutto da adulti, il mancato possesso della cittadinanza compromette il diritto della persona di vivere una vita piena: ad esempio, una volta maggiorenni, non ci si può iscrivere agli albi professionali per lo svolgimento di determinate professioni, né si può votare o essere eletti, pur avendo vissuto tutta una vita in Italia. E per ottenere questi diritti insieme alla cittadinanza, fino ad oggi era necessario affrontare un vero percorso a ostacoli.
B-      Quante persone si prevede che richiederanno la cittadinanza?

Sono quasi un milione i giovani nati in Italia da genitori stranieri, o che hanno vissuto nel nostro Paese la maggior parte della loro vita. Fino ad oggi sono stati “respinti” da una burocrazia che li ha fatti sentire stranieri nella propria nazione, ma finalmente ora le cose cambieranno. La legge, ora in Senato, è stata pensata soprattutto per i ragazzi nati in Italia da genitori stranieri o arrivati prima del compimento del dodicesimo anno di età che abbiano alcuni requisiti, tra i quali la frequenza scolastica e il possesso da parte di almeno un genitore del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lunga durata.
C-      Perché questa riforma è vantaggiosa per l’Italia?

L’Italia è già un Paese multiculturale e multireligioso, e la riforma farà compiere al nostro Paese un bel salto in avanti di almeno 25 anni. Si tratta di dare un riconoscimento legislativo allo status quo, garantendo a tutti coloro che sono nati in Italia o che in Italia sono cresciuti e hanno studiato tutti i diritti, ma anche tutti i doveri connessi allo status di cittadini. La legge che introdurrà lo ius culturae gioverà a tutti, perché favorirà l’integrazione e limiterà i casi di emarginazione e isolamento. Che, come vediamo dalla cronaca recente, possono anche sfociare in episodi di radicalizzazione.
D-     Come cambierà la società italiana?

Senza dubbio, cambierà in meglio. Siamo già un bellissimo melting pot di culture e tradizioni differenti, ma spesso capita che questo bel mosaico non venga valorizzato, che le minoranze vengano relegate e marginalizzate nelle periferie delle nostre città e finiscano per sentirsi definitivamente “straniere”. Questa legge è un primo, fondamentale passo per creare una società più unita e inclusiva, certamente rispettosa delle differenze, ma anche in grado di valorizzarle, partendo da una base di diritti e di doveri comuni a tutti e soprattutto da un comune senso di appartenenza.

2)      Lei è nato in Marocco ed è arrivato in Italia quando era un bambino, si riconosce nelle “seconde generazioni”?

A-B- E’ questo un termine corretto? Le “seconde generazioni sono ben rappresentate dietro questo titolo?

L’espressione “seconde generazioni” deriva dall’inglese: “first generation” e “second generation” sono concetti sociologici introdotti all’inizio del Novecento. Eppure, se ci si pensa, parlare di “seconde generazioni di immigrati” è in qualche misura contraddittorio, perché chi è di seconda generazione non ha mai affrontato l’esperienza della migrazione: è semplicemente nato da genitori stranieri. Inoltre, è sempre rischioso affidarsi ciecamente a “etichette” di questo tipo, quasi connotando una persona sulla base dell’appartenenza etnica dei genitori o dell’esperienza migratoria vissuta dalle loro famiglie. L’orgoglio delle proprie origini è sacrosanto, ma oggi l’obiettivo dovrebbe essere proprio quello di considerare i ragazzi della “seconda generazione” cittadini come noi, parte integrante della nostra società.

3)       L’ultimo rapporto annuale sulla scuola realizzato dal Ministero dello Sviluppo con la collaborazione della Fondazione Ismu, indica che la scuola italiana sta diventando sempre più multiculturale, non solo per l’origine degli alunni, ma anche per l’offerta formativa e le strategie che si stanno seguendo.

A-   Lei è d’accordo con quest’affermazione?

Certamente: la scuola italiana è sempre più multiculturale. Negli ultimi 15 anni, si è quadruplicato il numero di studenti di origine straniera nella scuola secondaria di secondo grado, sfiorando gli 800.000. Nel 2014-15, gli italiani di origine straniera erano il 55% della popolazione scolastica complessiva, e l’84% dei bimbi figli di immigrati nelle materne sono nati in Italia. Come si vede, si va sempre più verso la stabilizzazione di un fenomeno che è molto altro dall’immagine-stereotipo del “barcone”, tristemente nota a tutti noi. La sfida maggiore per la scuola italiana è quella di fornire nuovi strumenti per fornire una prospettiva interculturale e inclusiva, e ci sono già molti e buoni esempi di questo approccio. Certamente, si deve fare sempre più e sempre meglio.

B – In che aspetti la scuola italiana è veramente multiculturale e dove c’è ancora tanto da lavorare?

La scuola italiana ricerca sempre più metodi didattici innovativi e aperti al cambiamento, capaci di includere tutti gli studenti rispettando le loro specificità. Un bell’esempio è l’Istituto Carlo Pisacane di Roma, un bellissimo laboratorio di multiculturalismo e un buon modello di integrazione. Un esempio che però non è sempre facile da replicare, perché richiede una sostanziale ridiscussione del modello didattico tradizionale, e l’impegno ad affrontare sfide complesse: si pensi alle difficoltà legate all’inserimento di ragazzi stranieri adolescenti. Le ombre, di certo rimangono, a partire dai tassi di ritardo scolastico ancora elevati e l’orientamento delle seconde generazioni soprattutto verso gli istituti professionali. Troppo spesso, l’inserimento degli immigrati è rimasto confinato a iniziative con carattere di marginalità ed eccezionalità, orientato verso bisogni specifici, senza riuscire a modificare l’impianto stesso della vita scolastica. Al contrario, le migliori esperienze pedagogiche mostrano che l’integrazione degli stranieri costituisce un’occasione insuperabile di diversificazione delle strategie didattiche, ampliamento culturale e apertura della classe. Proprio per questo, bisogna dare agli insegnanti tutti gli strumenti per rendere la scuola sempre più un laboratorio di accettazione, rispetto e mobilità sociale.

4)       Attualmente in Italia risiedono legalmente più di 5 milioni di stranieri, tra questi, molti sono i talenti che potrebbero contribuire all’internazionalizzazione delle imprese e non solo….

A- Perché in Italia questi talenti multiculturali non vengono ancora riconosciuti e talvolta rimangono nascosti o addirittura sottoutilizzati?  In altri paesi, come Francia, EEUU e Canada, questo problema non è così evidente e ci sono più chance di emergere e di fare carriera. Qual è la sua posizione su questo tema?  In che modo si potrebbero promuovere le seconde generazioni?

Senza dubbio l’Italia ha ancora molta strada da fare in tema di integrazione e valorizzazione dei talenti multiculturali. Ma il trend è positivo: nel 2015, le imprese individuali aperte da cittadini nati fuori dell’Unione Europea sono aumentate di quasi 23mila unità, portando il totale di queste realtà a superare quota 350mila. Cinque anni fa, a fine 2010, erano 100mila in meno. Certamente, dobbiamo fare sempre meglio, e certi Paesi possono esserci d’esempio. L’importanza di questo tema è attestata anche da uno studio del Censis, secondo cui senza immigrati non solo il Paese invecchierebbe, ma perderebbe anche 400.000 imprese. Un dato che dimostra come in Italia chi sceglie di rimanere sul territorio nazionale riesce spesso a integrarsi. Il Censis parla in proposito di “modello di integrazione molecolare”, dove non esistono concentrazioni di popolazione straniera tali da creare “etnodisagio”. E’ questo il modello che dobbiamo portare avanti, perché anche il lavoro diventi una forma di condivisione e inclusione e non di ghettizzazione.

B- Il suo pensiero su come un background multiculturale può beneficiare un’impresa.

Multiculturalismo significa anche saper condividere le diversità nel rispetto reciproco. Da culture diverse, differenti tradizioni e molteplici approcci ai problemi e alle loro soluzioni non possono che svilupparsi modelli di arricchimento per le imprese, specialmente in un mondo sempre più vario e globalizzato. Le imprese più inclusive sono di certo le più competitive e un approccio alla gestione delle risorse umane finalizzato alla valorizzazione delle differenze di cui ciascun individuo è portatore è certamente una strategia vincente.

6)      Tra dieci anni secondo lei l’Italia sarà più multiculturale? Qual è a suo avviso, il percorso più giusto da intraprendere perché l’Italia sia anche più competitiva?

L’Italia sarà sempre più multiculturale, e questo non può che costituire un’enorme ricchezza per il nostro Paese. Pensiamo a un dato: le imprese di immigrati sono cresciute del 49% dal 2008 ad oggi, e si calcola che gli immigrati versino nelle casse dell’INPS circa 11 miliardi di euro. La scuola e il lavoro devono essere i principali laboratori di multiculturalità, integrazione, innovazione e mobilità sociale: è questa, a mio avviso, la strada per rendere l’Italia sempre più competitiva. E la legge sulla cittadinanza, in questo senso, contribuirà a costruire le fondamenta perché ciò possa avvenire.

 

Building a multicultural community (in italian)

Intervista a Luciano Serra, CEO di B On Board

Quali sono i valori di B On Board e come nasce?

B On Board nasce dalla considerazione che vivendo in un mondo sempre più globalizzato, la multiculturalità, sia degli individui, che delle organizzazioni sia un valore e sempre più un vantaggio, anche competitivo anche in termini aziendali. Questo dev’essere compreso anche dalle imprese italiane che sono sempre più coinvolte nei processi di internazionalizzazione, ma che, allo stesso tempo, rispetto alle imprese di altre nazioni occidentali, sono un passo indietro in termini di approccio, di multiculturalità, di conoscenza della lingua, di presenza sui mercati internazionali. Quindi tutto parte da un ragionamento molto semplice rispetto a tutto quello che è il valore implicito associato alla diversità, che se ben gestita, porta a ricadute di natura economica e sociale. Diversità vuol dire diversità di lingua, cultura, mindset che rendono più intelligenti, più competitive e più adattative alcune aziende. Questo è un lato della medaglia, ma poi c’è il risvolto sociale: favorire l’integrazione tra diverse culture, valorizzare il contributo di talenti di origine straniera che vivono nella nostra società, che possono essere cittadini nati in Italia da genitori di altri paesi oppure che si sono trasferiti dopo la nascita per studiare o lavorare. Abbiamo un patrimonio di risorse importante e che cresce in termini di dimensione, perché il numero di stranieri residenti in Italia che sta crescendo molto, ma anche in termini qualitativi, perché c’è la fascia alta che ormai è professionalizzata, che ha studiato nelle nostre università e magari ha preso anche il master e queste persone, oltre ad avere tutte le competenze degli italiani possono portare in aggiunta anche la seconda cultura che può essere utile per le imprese per andare all’estero e diffondere i propri servizi in giro per il mondo.

Il 2015 è stato l’anno di Expo,che ha attratto a Milano milioni di persone e migliaia di aziende da tutto il mondo. Le aziende italiane hanno saputo cogliere questa opportunità per incontrare controparti straniere?

Sicuramente Expo ha rappresentato un’opportunità per le aziende che si internazionalizzano e diversi operatori sia pubblici che privati hanno organizzato programmi di incontri tra delegazioni di imprese o singole aziende. Noi abbiamo deciso di contribuire, come sponsor e come partner operativo,al più importante di questi programmi, Expo Business Matching, ovvero l’iniziativa ufficiale di matching B2B di EXPO che ha organizzato circa 2.000 incontri tra imprese italiane e imprese straniere, al fine di promuovere lo sviluppo di partnership commerciali con l’estero. E’ stata un’iniziativa di grandissima rilevanza, la più grande mai realizzata in Italia. Peraltro nelle precedenti edizioni dell’Esposizione Universale non si era mai sfruttato il passaggio di milioni di visitatori stranieri, molti dei quali manager ed imprenditori, per favorire il contatto in maniera strutturata con le aziende. E’ stata davvero una bella idea che EXPO, camera di Commercio di Milano, etc. hanno avuto. B On Board ha contribuito con le sue competenze specifiche nell’ambito della multiculturalità: è stato il nostro personale che ha guidato e gestito i meeting, facendo mediazione culturale e linguistica in nove lingue straniere.
Proprio la relazione che si è stabilita tra tutti i mediatori linguistico-culturali che hanno lavorato con noi sul progetto ci ha portato a lanciare alla fine di Expo una community di talenti multiculturali, chiamata “You Multicultural” . Siamo convinti che possa rappresentare un canale innovativo per individuare giovani multiculturali ad alto potenziale da selezionare e presentare alle aziende in fase d’internazionalizzazione e al tempo stesso ci consentirà di offrire alle imprese la possibilità di partecipare ad incontri dedicati in cui confrontarsi direttamente con esperti multiculturali per esporre i propri progetti internazionali e raccogliere suggerimenti ed osservazioni in un modo fresco, social e collaborativo.

In ultimo: dal suo punto di vista privilegiato, le sembra che gli occidentali comprendano le opportunità del continente africano e nel suo sviluppo o piuttosto lo considerino, o siano abituati a considerarlo unicamente teatro di problemi?

E’ indubbio che vi siano difficoltà di questo tipo: difficoltà di comprensione e di interpretazione da parte del mondo occidentale e soprattutto, direi europeo… poi noi in Italia siamo addirittura sotto la media europea per quanto riguarda gli investimenti nel continente africano. Da un lato non c’è dubbio che la storia recente, fatta di guerre civili ed instabilità abbia generato una percezione dell’Africa che poi diventa difficile nell’immediato cambiare nella mente delle imprese italiane. Purtroppo ci vuole un po’ di tempo perché il management delle nostre aziende cancelli il passato e comprenda che c’è stata un’evoluzione molto rapida, specie in alcuni paesi che sono diventati ormai paesi stabili sui quali è giusto e si deve andare ad investire. Pensiamo alla Cina: rispetto ai cinesi che hanno capito prima di noi e si sono mossi prima di noi verso il continente africano, addirittura colonizzando porzioni intere del continente, soprattutto quelle sulla costa orientale, dunque più vicine alla Cina e più agevolmente raggiungibili via mare, noi scontiamo sicuramente un ritardo notevole. Stiamo assistendo, però, in questi ultimi 4 o 5 anni a dei progressi importanti: si cominciano a vedere più progetti europei ed italiani che sono focalizzati sull’Africa. Per quanto concerne l’Italia mi sembra di vedere soprattutto tre settori coinvolti: il settore costruzioni e dunque creazione di infrastrutture in questi paesi, la parte impiantistica e poi il settore estrattivo, che in Italia è molto concentrato, ma ad ogni modo in questi tre settori ci sembra di vedere in questo momento stanno attirando di più le imprese italiane verso il continente africano. Tutti sappiamo che l’Africa sarà il continente di maggior crescita in questo secolo, ma noi italiani però scontiamo una certa prudenza, magari eccessiva nel tradurre questa consapevolezza in passi concreti.

Bridging the great deficit of knowledge that there is, especially in Italy, to a continent of great potential for our country

Lia Quartapelle, member of Italian Chamber of Deputies, Secretary of Commission III Foreign and European Community Affairs.

In 2007 you collaborated with the Government of Mozambique, working as an economist in the Italian Cooperation in Mozambique. During this experience, you had the chance to observe closely the efforts of a large African country to take the path towards development. What does “development” in a country like that mean, and what challenges do hey face in pursuing it?
My time spent in Mozambique, and subsequent trips there were fascinating: the opportunity to see up close how in only a few years (the first time I was in Maputo was in 2003), a country can radically change the condition of life of its citizens. The economics of development has a “golden rule”: dividing the number 70 for the average annual growth rate, you get the number of years in which a country can double the income of its citizens (for example, if a country is growing by 7% annually, it will take 10 years for it to double the average income of its citizens). In these ten years of visiting Mozambique I have seen radical changes, not only in Maputo but across the country. For me however, one image explains very well what being an emerging country means. I had a close friend and colleague of the same age, with a degree in economics like me: in the space of two years he has been able to buy a house for himself and his family. Unthinkable for my age in Italy. Certainly, not all that glitters is gold: against growth rates above 5% for years, not everything is good in the country, but at times social tensions have indeed been exacerbated.

You are currently a research associate at the ISPI where you have already served as a manager for the Africa program. What concrete contributions can a cooperation between different study centers bring in setting priorities for action in Africa and in the effectiveness of the policies of the international community?
The contribution of research institutions to the cause of Africa is above all one: bridging the great deficit of knowledge that there is, especially in Italy, to a continent of great potential for our country.

In your opinion, is the image that citizens of Western Africa has entirely realistic or not?
I have worked for years in Africa and in our relations with the African continent. I have often found superficial knowledge and treatment, even by our media, according to unacceptable stereotypes , which certainly represent an obstacle to the development of the African economy. A recent emblematic and striking example is the debate and the psychosis generated by the epidemic of the Ebola virus. Certainly a very serious epidemic, which deserved attention and extraordinary measures, which in fact have been adopted. What our media have forgotten, however, is that the virus has hit three of fifty-four countries. The message that has come to the citizens is that the whole of Africa was some sort of huge military hospital inhabited by spreaders that threatened our health through migration. The damage has been enormous, from the tourism sector, which suffered huge declines in areas of the African continent which are as far away from the affected areas they are from Rome or Milan. Not to mention the uncertainty created among international investors.

What drew you to Africa and to the issues related to its development?
Honestly, the interest in Africa stems not so much from study or work, from friends and travel. In short, it was love at first sight, and then I was lucky that this almost unbridled passion became my main object of study and then field of work.

How has Africa changed in the last few years: what opportunities were taken advantage of and which were missed?
OECD data tell us that the GDP of the African continent is growing strongly. Projections for 2014 indicate a growth rate equal to 4.8%, with a further acceleration in the next year that could reach a record level of between 5 and 6%. By 2020, the GDP of the continent could even double, thanks to the dynamism of South Africa and the new, large investments of all the BRICS countries. In development cooperation, it is normal that solidarity motivations are combined with the political and economic interests of the donors. Italy could do more to exploit its geographical position as a hinge between Europe and Africa. And that is both from the point of view of economic dynamics, and in order to strengthen cooperation in the cultural sphere, and to have an effect on the political dynamics of the continent, in particular with regards to the issue of conflict mediation.

The european commitment to cultural diversity is there a strength and an opportunity for those evangelising the arts of Africa

Robert Madelin, Director-General of Directorate General for Communications Networks, Content and Technology, European Commission

What is your mission as Director-General of DG Connect?

We are a thousand public servants from all over Europe, dedicated to creating a better Europe for all citizens by researching, innovating ans developing digital opportunities and digital solutions.

Who were the biggest inspirations for your career?

My inspiring political leaders from Netherlands, UK, France, Belgium, Germany. My parents and teachers. My colleagues.

Today there are those in Europe who don’t understand the vital importance of innovation?

In Europe, we have always been innovators, makers and curious explorers, as well as eager consumers of the best that the planet has to offer to man: today, we still have all those qualities, but we are perhaps more fearful, even in cases where there is nothing to fear: so we need to balance our principle of precaution with an Innovation Principle, ensuring that responsible and good innovators find a rapid and easy welcome in EU markets.

How can innovation help European citizen?

Tomorrow’s innovation will offer better learning for our children, better health and health care and cures for all, more and better jobs and the prospect of advancing as humankind, in partnership with all continents.

In what way does EU can contribute to the understanding and promotion of African culture?

European researchers, entrepreneurs and citizens remain fascinated with Africa: always something new out of Africa, as in the days of the roman Republic. Too much, alas, Africa is also seen from Europe as a place of avoidable suffering and deep-rooted poverty, which Europe also wants to help eradicate, but does not always do well. I see the best of Europe in a continued interest in African arts, in African history and in africa’s plans for itself.

Africart Org mission is to promote the development of Africa counteracting the lack of information about the high quality of its art and culture: what do you think about this topic?

I believe that the sharing of culture is a crucial road to mutual awareness, understanding and solidarity: we must offer positive experiences to children in every primary school, so that they know the beauty of the music and the plastic arts before they become overwhelmed with negative media and in case they have no direct early opportunity to meet Africa and Africans for themselves. At the same time, we must avoid allowing African culture to be seen as a single soup, any more than we would want European cuisines, for example, to be seen as the same! The european commitment to cultural diversity is there a strength and an opportunity for those evangelising the arts of Africa.

The fight against ebola

The fight against ebola Interview with Dr. Roberto Ravera, PhD, Chief of Staff at ASL 1 Imperiese Psychology, President of FHM Italy Onlus (www.fhmitalia.org ), Director of Ravera Children Rehabilitation Centre – RCRC – Freetown (Sierra Leone)

What led to your personal battle against Ebola? I have been personally promoting projects with socio-medical cooperation in Sierra Leone for more than ten years and I realise now, more and more clearly, that their normal daily lifestyle is what we define as emergency measures. Whether it’s a long civil war with corruption and greed, floods, cholera or Ebola. Sometimes it’s as if I were wading a river: I have now arrived on the other side, however I notice that there is a new, difficult passage and the current becomes impetuous. Then I think that if it appears difficult to me, think about all those poor people who have miserable incomes, to those many children splitting stones under the hot sun, to those mothers who have no means to take care of their children, to those street children who seem already old. Despite all the hardships I was seduced by the land and the population won me over with their simple smile. Here I built and forged ties that bind and involve me more every day. That’s why I’m here. Africa has a great charm: modernity and tradition entwine and come together in a product to form a unique Alchemy. The Ebola virus appeared for the first time in Sierra Leone roughly a year and a half ago, after it infected Guinea Conakry and Liberia . The reasons for the spread of the virus are to be found primarily in the fact that, compared to previous Ebola outbreaks in other parts of Central Africa, the virus encountered modern times. Here too, people are traveling more quickly and there are constant exchanges between villages and towns often without taking necessary precautions so infections spread very easily. Over the years I’ve seen corpses transported like passengers on motorcycles. The virus had begun to spread like wildfire across the country, leaving the local health authorites completely unprepared to deal with the ensuing outbreak. The medical staff was not prepared to deal with an epidemic of this magnitude, it has paid a hefty price considering the high number of Ebola deaths among local doctors and nurses. Only thanks to International intervention has the situation been curbed and contained. Those who, like us, managed health care projects in Sierra Leone were left to face the impact Ebola had on every level. And my Non Governmental Organization Ravera Children Rehabilitation Centre RCRC – which deals with mental health projects for children – had to close the doors of our clinic, which is located in the slum area where the poorest were heavily affected– to minimze the risk of contagion of our healthcare personnel. We worked primarily on prevention: check-point fever measuring stations, discussions and meetings with Tribal leaders and personally providing necessary information to all the people. Then we dealt with the Ebola survivors, all of whom are still traumatized not only for having had the disease and having seen many of their loved ones die but also for having been victims of isolation and stigmatisation. There is still an abbundance of work to be done.

Ebola has been talked about quite extensively, but the perception that the West has is probably pretty vague and imprecise. What, in your opinion, is not related through the media? Ebola is a very dangerous disease like everyone understood. But the real challenge was held on two levels: the first purely and with obvious health aspects of medical anthropology and the second aspect, however, was related to the fact that this virus has affected the collective imagination of the Western world. Wanting to analyze briefly both, we could say that meanwhile what struck the collective imagination was the perception that caregivers work with the fear of the constant danger to become infected as well, with a suit and a face mask and high standards of hygiene, which made everything more expensive and complicated. For a doctor or nurse treating a patient wearing haz mat medical protection combined with the heat of the tropics, under sterile tents, was mind boggling combined with the relevant fatigue and fear of making mistakes with the new and overwhelming security procedures. Many new health structures and hospitals were built with great care by the Western countriesand are equipped with expensive equipment never seen in these places, which unfortunately will be dismantled at the end of the epidemic. The international media went to town showing this nightmarish situation. Yet, despite the effects of the disease were perfectly visible to the local population, the biggest difficulty was to make people understand that it was necessary to adhere to specific behaviors in terms of hygiene and treatment of Ebola deaths in funeral rituals. All things in the West may seem obvious but here, where magic is an essential part of everyday life, is not so obvious that you should clean the sphincters of those who died of Ebola. There have been cases of people buried by the health authorities and, at night, unearthed by the family to carry out the purification rituals. Or clashes with the police or with the medical staff entering the villages where they knew there was one fatality due to the virus. For those who know this world one understands very well that you cannot ignore all of these customs. Many Ebola patients turned to shamans and healers running risk of infecting other people and delaying the start of medical care. A local anthropologist confided in me the particularity of Ebola is being undermined in the world of relationships: it is absolutely natural for these people to care for and embrace a child or a sick friend much weakened by the disease and not able tostand more upright. For this you can call the virus of love, ties and relations, because that’s how it is transmitted. Another problem concerns the image that the Ebola virus had on the Western world and many have seen this explosion of the epidemic, a spectrum or a holocaust from which to take guard. The fact that this horror could cross our borders and our cities, appeared to be something from which they needed to defend and protect themselves from this spectre and curb the diffusion.. When I got back from Sierra Leone a few weeks ago, I was subjected to health checks at the airport of Brussels; but the thing that struck me the most were the instructions on the procedures which had to be submitted, there was the picture of a healthcare professional meaduring the fever with the infrared thermometer. Well, the picture was very eloquent in emotional terms: a far-away doctor pointing a thermometer with an outstretched arm in the direction of the person’s head . Well the feeling was that, rather than being a precautionary medical procedure. it portrayed someone shooting my temple! The fact that thousands of refugees each day enter Europe sparked fear that Ebola was in them. I have the perception that these two worlds, that of the North and the South, are separated by deep mental barriers. At the same time, from theonset of 2015, the interest of what what was happening in West Africa seemed to be waning from all aspects of the media.. When I was in the streets of Freetown in March this year, it was common to see people quarantined in their houses. I visited many quarantine centres run by Non-Governmental Organizations and I always found then full of people sadly waiting for a verdict. The international press moved on and found something else more relevant to focus on when the pain became routine. The first fase of morbid astonishment was over: the look inside the abyss and thinking that alien species-Ebola-arrived and entered our House. I would just like to n mention that in Sierra Leone time stood still for a whole year: schools, universities, many hospitals and health centres were closed. Just a few weeks ago in April students went back to school. This infinity of time blocked the social and economic life of a country as a whole.

How do you operate in an environment so culturally different from ours? The basis of my work in Sierra Leone focuses on mental health in children. You can’t ignore a profound vision of cultural and anthropological differences and for that very reason many psychological issues in Africa have different manifestations compared to us. I have to say that most of the efforts made in recent years, since working with child soldiers after the war,was the search for a balance between ‘ cure ‘ and adaptation to the principle of ‘ operation ‘ in the context of local life. It is useless to pursue Utopian models of rehabilitation, Western type, if however for many of our young people here in Sierra Leone, returning to a normal life implies simply having something to eat, a pair of shoes or health care. The great difficulty for those who want to work in a psychological context in Sierra Leone is to learn to ‘ read ‘ the reference culture, without attempting to import Western welfare model. For this I wanted to employ local health care staff from the community and I have sponsored research projects in the field of Neuroscience: to give an objective meaning to what we mean by ‘ ‘ emotional suffering and understand how this interferes in the modeling of social interaction. We have shown how the neurophysiological response of street children or juvenile prison inmates is, to some extent, inadequate in terms of mind reading others. In the article published in Plos One we called this phenomenon “a wall between me and others”, a phenomenon of alteration in social communication that can result in mental disorder. My Non-governmental organisation RCRC believes in the meaning of “early intervention”, i.e. the early intervention, knowing how to recognize psychological disorders as early as possible to facilitate pathways to resilience. The use of violence, the inability to contain the stimuli, the difficulty to express their moods and to build appropriate relationships with others are some of the aspects that characterize the personality disorder. When these mechanisms are established in adults it is difficult to cure. Many of the young people we work with in fact seem unable to experience emotions and only after a period of support and help reveal what they have inside. But here in Sierra Leone, we have to admit with some honesty that even us so-called mental health “experts” it is not easy to get access to this inner world, made of languages and sometimes difficult to understand. When we started developing the project with the Ebola survivors, people toughened by life, nothing transpired in pre-meetings with them. They looked at me without saying a Word. At the end of three days spent together, I saw them recite in the theatre, which we created to represent their ordeal, with such energy and power that would compete with a real actor. Here the theatre, the drama of life, is something every day.

How do you support your Organization’s goals and purposes? My organization, Ravera Children Rehabilitation Centre, has been working for years to create a mental health project for children and to do this we lean on local players. We have trained and worked with them, day after day, selecting the best and the most motivated and giving him opportunities, resources and means to properly operate. We have clinics where we offer free healthcare (while everything here is at an additional cost) present in the poorest slums and can be a point of reference for children which are abused, mistreated, malnourished, sick and orphaned. We took over the juvenile prisons in Freetown, taking care of every kind of assistance and trying to build a future for these young men. We now deal with Ebola survivors and try to support them and help them from a material and psychological standpoint. We have built a therapeutic community to give a basis of hospitality to children with problems and psychological and social distress. We are building a new Pediatric Hospital and a Rehabilitation Centre for minors. My idea has always been to put the baby in the middle and rotate around him the services and centres that can take charge of its problems. This way of working is practically unknown in Sierra Leone. For this our goal is not just to ‘ build ‘ but is to design and give evidence to a new model and paradigm of work. We want to transfer, in a sustainable way, the idea of a draft, a working model, which can be readjusted during the next few years. In order to do all this an Organization was founded in Italy years ago called FHM AUSTRALIA, of which I am Chairman, which aims to fund all projects that we bring forward in Sierra Leone. What we ask people is to grant us trust, to help us to find funds and material to bring in Sierra Leone. Each year, with the help of benefactors, we send containers of food, clothing, and many other things that we distribute to the most needy and thanks to donations we are building a new hospital and reception centre. We are volunteers: what we receive is spent directly on projects. Our website is: http://www.fhmitalia.org

How does the mode of transmission of Ebola change human relations? The mode of transmission of the Ebola virus are known and include contact with any human fluid relative to the person who shows signs of illness. Apparently the virus has a very powerful feature that creeps into the body of whoever is near, relative or caregiver, the sick person infected with it. The problem arose from the fact that the disease causes along with fever, skin rash, vomiting and diarrhoea, a strong state of weakness. This mechanism seems to attract the care givers who can only take charge of the sick person and this causes the infection of entire households. Considering the state of prostration in which hundreds of Ebola survivors stay, we tried a group work experience. We placed over 120 survivors together for three days of interaction and of psychological activity. We heard from their dramatic stories and the testimony of this is featured even in the forms compiled by children : to the question “how many were with you and your family before the onset of Ebola nd how many now?” The reported number is staggering considering that they refer to the concept of atypically African extended family. Basically all the children almost lost the entire family nucleus For this many months ago we argued that the problem would be that of after Ebola. This epidemic has left a deep wound in Sierra Leonean society. Although seemingly everything seems to flow with the typical chaos and frenzy heated harangue of that land, we see the signs of a deep wound in the soul of people and, especially, children. For many months they have been able to touch and be touched, not playing in groups and have lived with the terror of an enemy that you couldn’t see. This is one of the reasons why Ebola is well adapted to the magical thinking that rages in African society. Witches, wizards and demons are considered the real directors of life in general and, specifically, of the events related to Ebola. Some years ago I remember a riduculous video of a demonic wooden statue which was unearthed during the excavation of a local mine that went viral in Sierra Leone and which local people took very seriously. . It was said in these DVDs sold in every corner that House of the devil had been found and everyone in the city spoke of it. Although there were those who laughed, actually it was taken very seriously. For this reason I believe that places like Sierra Leone are representative of an anthropological paradigm where, modernity and its ‘ myths ‘l ives a reality deeply tied to traditions. From this perspective, Ebola has been something that has brought to light contradiction, highlighting that under certain conditions, either too improbable, the balance is moving very fast, and depicts all the fragility of an archaic world that lives under the guise of a modernity.

Africa is at the center of a peculiar process of modernization and there is a widespread perception that within this century, its GDP will have unparalleled growth. Have you noticed this reflected in Sierra Leone? Sierra Leone has had, since the war (2002), a certain development and, in recent years, GDP has grown so large, even with tips of 10%. But we must bear in mind that most of this growth was and is linked to the export of raw materials that it is rich (gold, diamonds, iron, rutile, and maybe even fish oil). Monographic issue of December 2014 The Africa Report magazine draws future scenarios for many African countries and it shows that in many areas there is innovation and development, but everything is still very attached to the influences of the large multinationals and economic policies of dominant Western countries. Regarding Sierra Leone you can tell if you look at the impressive dimensions of the US Embassy in the hills of Freetown, capital of Sierra Leone. The same thing concerns the Chinese influence, taking into account, for example, hospitals and roads that the Chinese have built in exchange for various orders. One of these, just north of Freetown, is the large investment of a great iron mine in the Boonbuna area acquired for 100 years. They built out of nowhere the only country railway, used only for transportation of ferrous material that is transported up to the Pepel and from there transferred to huge ships to China. What remains of that beautiful territory, made of beautiful rainforests, after decade only 42% of the population have the basic level of education and inflation is at 9% (end-2014 data in Ebola). Yet the penetration of new telecommunications is consistent and 44% of the population have a mobile phone and foreign investment amounted to 579 million dollars. Freetwon has become a city without borders with two million inhabitants; but inside there is nothing of the old protective culture of the village, the streets are full of street children who no longer have the protection of the village, but stragglers wandering looking for a way to make ends meet. Children that we see in juvenile prisons, are abbandoned and worse a small boy was sentenced to 16 years in prison just because he found a submachine gun in the jungle and fired some shots in the air. I think the key to a better future must necessarily start from below: building a cooperative of workers, even with the support of many Non-governmental Organizations active in Sierra Leone, and being able to expand in the poorest and underdeveloped areas. Above all, a model of Welfare should be implemented because still today there is a charge for everything and also go to school involves a costly expenditure for families already destitute. Unfortunately the percentage of the population that is alien to any development is still considerable. Along the Freetown peninsula, on the way Kent, you see many children along the road commiing from quite some time: trying to protect children and support their education and care, only through this process can be a hope and a better life

In Italian

Intervista a Roberto Ravera, Primario SC Psicologia ASL 1 Imperiese, Presidente di FHM Italia Onlus (www.fhmitalia.org ), Direttore di Ravera Children Rehabilitation Centre – RCRC – Freetown (Sierra Leone)

Cosa l’ha spinta ad iniziare la sua personale battaglia contro l’Ebola? Sono quasi dieci anni che porto avanti progetti di cooperazione socio-sanitari in Sierra Leone e mi rendo conto, sempre più chiaramente, che questo è un luogo in cui è ‘normale’ vivere a contatto con ciò che comunemente definiamo un’ emergenza. Sia che si tratti di una lunga guerra civile con corruzione e malaffare, di colera, di alluvioni o di Ebola. A volte è come se dovessi guadare un fiume: ritengo di essere ormai arrivato dall’altra parte, invece mi accorgo che c’è un nuovo passaggio difficile e la corrente si fa impetuosa. Poi penso che se appare difficile a me, figuriamoci a tutte quelle persone che hanno redditi miseri, a quei tanti bambini che spaccano le pietre sotto il sole, alle madri che non hanno mezzi per curare i propri figli, ai ragazzi di strada che sembrano già vecchi. Nonostante tutto il Paese mi ha sedotto, e la popolazione mi ha conquistato anche solo con un sorriso; qui ho costruito legami profondi che mi coinvolgono ogni giorno di più. E’ per questo che sono qui. L’Africa ha un grande fascino: modernità e tradizione si fondono in un prodotto alchemico dal risultato unico. Il virus di Ebola è comparso per la prima vota in Sierra Leone circa un anno e mezzo fa, dopo aver contagiato la Guinea Conakry e la Libera. Le ragioni della diffusione del virus sono da ricercarsi in primo luogo nel fatto che Ebola, rispetto a precedenti epidemie in altre parti del Centro Africa, si è incontrato con la modernità. Anche qui la gente viaggia, si muove velocemente, ci sono continui scambi tra villaggi e città, spesso senza precauzioni, così i contagi si diffondono facilmente. In questi anni ho visto persino cadaveri trasportati, a mo’ di passeggeri, sulle motociclette. Il virus ha cominciato a diffondersi a macchia di leopardo in tutto il Paese, facendo emergere la totale impreparazione da parte delle autorità sanitarie locali. Il personale sanitario non era preparato ad affrontare un’ epidemia di questa portata, infatti ne ha pagato un prezzo salato, considerato l’alto numero di morti per Ebola anche tra medici e infermieri locali. Solo grazie all’intervento internazionale si è riusciti ad arginare la situazione. Coloro che, come noi, gestivano progetti sanitari in Sierra Leone si sono ritrovati a dover affrontare l’impatto che Ebola ha portato in tutti gli ambiti, incluso quello della vita quotidiana. La nostra Organizzazione Non Governativa Ravera Children Rehabilitation Centre RCRC – che si occupa di progetti di salute mentale per minori – ha dovuto chiudere, per un certo periodo, tutti gli ambulatori che avevamo aperto nelle baraccopoli – gli slum più disastrati – per non mettere a rischio il nostro personale sanitario. Abbiamo comunque lavorato molto sulla prevenzione: check-point dove misurare la febbre, riunioni e incontri con i ‘paramount chief’ – i capi villaggi- e informazione continua alle persone. Successivamente ci siamo occupati dei sopravvissuti ad Ebola, i quali sono ancora traumatizzati non solo per aver avuto la malattia e aver visto morire tanti loro cari, ma anche per essersi sentiti vittime dell’isolamento e della stigmatizzazione. Il lavoro da fare è ancora tanto.

Di Ebola si è parlato tanto, ma la percezione che ne ha l’occidentale è probabilmente abbastanza vaga ed imprecisa. Cosa, a suo avviso, non passa attraverso i media?

Ebola è una malattia molto pericolosa come tutti hanno capito. Ma la vera sfida si è giocata su due livelli: il primo meramente sanitario e con evidenti aspetti di antropologia medica e il secondo aspetto, invece, era correlato al fatto che questo virus ha colpito l’immaginazione collettiva del mondo occidentale. Volendo analizzarli brevemente entrambi, potremmo dire che intanto colpiva l’immaginario collettivo il fatto che gli operatori sanitari lavorassero, per il constante pericolo di infettarsi, con una tuta e una maschera protettiva e altissimi standard di igiene e ciò ha reso tutto più costoso e complicato. Per un medico o infermiere curare un paziente con indosso una simile palandrana, con il caldo del tropico, sotto tensostrutture, comportava una fatica davvero considerevole e la paura di errori nelle procedure di sicurezza. Sono stati costruiti, con grande sollecitudine da parte dei Paesi occidentali, diversi ospedali nuovissimi e dotati di costose apparecchiature mai viste in questi luoghi, che purtroppo saranno smantellati al termine dell’epidemia. I media internazionali sono andati a nozze nel mostrare questo contesto da incubo. Eppure, nonostante gli effetti della malattia fossero ben evidenti alla popolazione locale, la fatica più grande è stata quella di far comprendere alla gente che bisognava rispettare comportamenti precisi sul piano dell’igiene e del trattamento dei morti di Ebola nei rituali funebri. Tutte cose che in occidente possono apparire ovvie ma qui, dove la magia è parte essenziale della vita quotidiana, non è cosi scontato che non si debba pulire gli sfinteri di un morto di Ebola. Vi sono stati casi di persone seppellite dalla autorità sanitarie e, di notte, disseppellite dai familiari per portare a termine i rituali di purificazione. Oppure scontri con la polizia o con il personale sanitario, che entravano nei villaggi, dove sapevano vi fosse un morto a causa del virus. Per chi conosce questo mondo capisce bene che non si può prescindere da tutte queste usanze. Molti ammalati di Ebola si rivolgevano a sciamani e guaritori correndo rischio di infettare altre persone e ritardando l’inizio delle cure mediche. Come mi ha riferito una antropologa locale, la particolarità di Ebola è quella di essersi insidiata nel mondo delle relazioni: è naturale per tutti accudire e abbracciare un figlio o un amico malato, tanto indebolito da non reggersi più in piedi. Per questo si può chiamare il virus dell’amore, dei legami e delle relazioni, perché è così che si trasmette. Altro problema riguarda l’immaginario che il virus di Ebola ha avuto sul mondo occidentale e molti hanno visto in questo scatenarsi dell’epidemia, uno spettro da cui salvaguardarsi. Il fatto che quell’orrore potesse varcare i nostri confini e raggiungere le nostre città, appariva come qualcosa da cui difendersi in modo strenuo. Quando sono tornato dalla Sierra Leone qualche settimana fa, sono stato sottoposto a controlli sanitari all’aeroporto di Bruxelles; ma la cosa che mi ha colpito è che sul modulo di istruzioni sulle procedure a cui dovevo essere sottoposto, vi era la foto di un operatore sanitario che misurava la febbre con il termometro ad infrarossi. Ebbene, la foto era assai eloquente in termini emotivi: il medico puntava da lontano il termometro, con il braccio teso in direzione della testa del soggetto e la sensazione era che, più che un atto sanitario, fosse un’esecuzione con colpo alla tempia! Il fatto che migliaia di profughi ogni giorno entrassero in Europa ha scatenato la paura che Ebola fosse in loro. Ho la percezione che questi due mondi, quello del nord e quello del sud, siano separati da profonde barriere mentali. Allo stesso tempo, a partire dall’inizio del 2015, è cessato l’interesse, da parte di tutti i media, per quanto stava accadendo nel West Africa. Quando giravo per le strade di Freetown nel marzo scorso, era frequente vedere persone chiuse in quarantena dentro le case. Ho visitato alcuni centri gestiti da Organizzazioni Non Governative di quarantena e li ho sempre trovati pieni di persone in triste attesa di un verdetto. La stampa internazionale ha abbandonato questo scenario di dolore quando è diventata routine. In fondo tutto si ripeteva nella stessa sequenza, era finita la fase dello stupore morboso, il guardare dentro l’abisso e il pensare che quella specie aliena -Ebola- arrivasse in casa nostra. Vorrei solo ricordare che in Sierra Leone il tempo si è fermato per un anno intero: scuole, università, molti ospedali e presidi sanitari sono rimasti chiusi. Solo poche settimane fa, cioè nello scorso aprile, gli studenti sono tornati a scuola. Questo tempo infinito ha bloccato per dodici mesi la vita sociale ed economica di un intero paese.

Cosa significa operare in un contesto tanto culturalmente differente dal nostro?

La base del mio lavoro in Sierra Leone è quella relativa alla salute mentale nei minori. Non si può prescindere da una profonda visione delle differenze culturali e antropologiche, per la ragione che molti aspetti psicologici in Africa hanno manifestazioni differenti rispetto a noi. Mi sento di dover dire che gran parte degli sforzi fatti in questi anni, a partire dal lavoro con i bambini-soldato dopo la guerra, riguardava la ricerca di un giusto compromesso tra ‘cura’ e adattamento al principio di ‘funzionamento’ nel contesto della vita locale. E’ inutile perseguire utopistici modelli di riabilitazione, di tipo occidentale, se comunque per molti dei nostri giovani qui in Sierra Leone, ritornare ad una vita normale implica semplicemente aver qualcosa da mangiare, un paio di scarpe o assistenza sanitaria. La grande difficoltà per chi vuole lavorare in ambito psicologico in Sierra Leone è imparare a ‘leggere’ bene la cultura di riferimento, senza tentare di importare il modello di benessere occidentale. Per questo ho voluto nella nostra Comunità tutti operatori locali e ho promosso progetti di ricerca nell’ambito delle neuroscienze: per dare un significato oggettivo a ciò che noi intendiamo per ‘sofferenza’ emotiva e comprendere quanto ciò interferisca sul piano della costruzione di modelli di interazione sociale. Abbiamo infatti dimostrato come la risposta neurofisiologica dei bambini di strada o detenuti nel carcere minorile sia, in una certa misura, deficitaria sul piano della lettura della mente altrui. Nell’articolo pubblicato su Plos One abbiamo chiamato questo fenomeno “un muro tra me e gli altri”, un fenomeno di alterazione nella comunicazione sociale che può sfociare nel disturbo mentale. La mia Organizzazione Non Governativa RCRC crede nel significato della “early intervention”, ossia l’intervento precoce, il saper riconoscere il disturbo psicologico prima possibile per facilitare percorsi di resilienza. Il ricorso alla violenza, l’incapacità di contenere gli stimoli, la difficoltà ad esprimere i propri stati d’animo e a costruire relazioni adeguate con gli altri sono alcuni degli aspetti che caratterizzano il disturbo di personalità. Quando questi meccanismi si instaurano nell’adulto è difficile curarli. Molti dei giovani con cui lavoriamo sembrano infatti incapaci di provare emozioni e solo dopo un periodo di aiuto e sostegno rivelano ciò che hanno dentro. Ma qui in Sierra Leone, dobbiamo ammettere con una certa onestà che nemmeno a noi ‘esperti’ di salute mentale è facile avere accesso a questo mondo interiore, fatto di linguaggi e segni talvolta di difficile comprensione. Quando abbiamo realizzato il progetto con i sopravvissuti ad Ebola, gente resa dura dalla vita, nelle riunioni preliminari con loro non trapelava nulla. Mi guardavano senza dire una parola. Al termine dell’esperienza di tre giorni passati insieme, li ho visti recitare nel teatro, che avevamo creato per rappresentare la loro vicenda, con una tale energia e potenza che avrebbero fatto concorrenza ad un vero attore. Qui il teatro, il dramma della vita, è cosa di tutti i giorni.

La sua organizzazione quali scopi si prefigge e come è possibile sostenerla?

La mia organizzazione, Ravera Children Rehabilitation Centre, si occupa da anni di creare un progetto di salute mentale per minori e per fare questo ci siamo appoggiati a operatori locali. Li abbiamo formati e abbiamo lavorato con loro, giorno dopo giorno, selezionando i migliori e i più motivati e dandogli le opportunità, le risorse e i mezzi per ben operare. Abbiamo ambulatori medici in cui offriamo assistenza sanitaria gratuita (mentre qui tutto è a pagamento) per poter essere presenti nelle baraccopoli più povere e poter essere un punto di riferimento per i bambini abusati, maltrattati, malnutriti, malati e orfani. Abbiamo preso in carico i carceri minorili di Freetown, occupandoci di ogni tipo di assistenza e cercando di costruire un futuro per questi ragazzi. Da tempo ci occupiamo di sopravvissuti ad Ebola e cerchiamo di sostenerli e aiutarli da un punto di vista materiale e psicologico. Abbiamo costruito una comunità terapeutica per dare una base di accoglienza e ospitalità ai minori con problemi e disagio psicologico e sociale. Stiamo costruendo un nuovo piccolo ospedale pediatrico e un grande centro di riabilitazione per minori. La mia idea è sempre stata quella di mettere il bambino al centro e di far ruotare intorno a lui i servizi e i centri che si possono fare carico dei suoi problemi. Questo metodo di lavoro è praticamente sconosciuto in Sierra Leone. Per questo il nostro obiettivo non è solo quello di ‘costruire’ ma è quello di progettare e dare evidenza ad un nuovo modello e paradigma di lavoro. Vogliamo trasferire, in modo sostenibile, l’idea di un progetto, di un modello di lavoro, che potrà essere riadattato nel corso dei prossimi anni. Per poter fare tutto questo in Italia è stata fondata anni fa una Onlus che si chiama FHM ITALIA, di cui sono Presidente, che ha lo scopo di finanziare tutti i progetti che portiamo avanti in Sierra Leone. Quello che chiediamo alle persone è di concederci la fiducia, di aiutarci a trovare fondi e materiale da portare in Sierra Leone. Ogni anno, grazie all’aiuto di benefattori inviamo container di cibo, vestiario, e molte altre cose che distribuiamo ai più bisognosi e grazie alle donazioni stiamo costruendo un nuovo ospedale e centro di accoglienza. Siamo volontari: quello che riceviamo, viene speso direttamente nei progetti. Il nostro sito è: http://www.fhmitalia.org

Le modalità di trasmissione di Ebola cosa cambiano nei rapporti umani?

Le modalità di trasmissione del virus di Ebola sono assai note e riguardano il contatto con ogni fluido umano relativo alla persona che manifesta i segni della malattia. A quanto sembra il virus ha una peculiarità molto potente nell’insinuarsi nel corpo di chi sta vicino, parente o operatore sanitario, a colui che è malato. Il problema è nato dal fatto che la malattia induce insieme a febbre, rush cutanei, vomito e diarrea, un forte stato di debolezza. Questo meccanismo sembra attrarre i care givers i quali non possono che farsi carico della persona malata e ciò determina l’infettarsi di interi nuclei familiari. Considerato lo stato di prostrazione in cui versano centinaia di sopravvissuti da Ebola, abbiamo tentato una esperienza di lavoro di gruppo; abbiamo messo insieme oltre 120 sopravvissuti per tre giorni di convivenza e di attività psicologiche. Abbiamo sentito da loro storie drammatiche e la testimonianza di ciò è riportata anche sulle schede fatte compilare ai bambini: alla domanda “quanti eravate in famiglia prima di Ebola e quanti siete adesso?” è impressionante leggere il rapporto dei numeri, tenendo conto che essi si riferiscono al concetto di famiglia allargata tipicamente africana. In sostanza tutti i bambini presi in esame hanno perso la quasi totalità del nucleo familiare di riferimento. Per questo già molti mesi fa sostenevamo che il problema sarebbe stato quello del dopo Ebola. Questa epidemia ha lasciato una profonda ferita nella società sierraleonese. Anche se in apparenza tutto sembra scorrere con il tipico caos e frenesia accalorata di quella terra, noi vediamo i segni di una profonda lesione nell’anima delle persone e, soprattutto, dei bambini. Per molti mesi non hanno potuto toccare ed essere toccati, non giocavano se non in gruppi ristretti e hanno vissuto costantemente con il terrore di un nemico che non si poteva vedere. Questa è una delle ragioni per cui Ebola ben si è adattato al pensiero magico che imperversa nella società africana. Streghe, maghi e demoni sono considerati i veri registi della vita in generale e, nello specifico, delle vicende legate a Ebola. Alcuni anni fa ricordo che girava per la Sierra Leone un ridicolo video che la gente prendeva molto sul serio, in cui si mostrava una statua di legno da l’ aspetto demoniaco, trovata durante gli scavi di una miniera. Si diceva in questi Dvd venduti in ogni angolo che fosse stata trovata la casa del diavolo e tutti in città ne parlavano. Anche se vi era chi rideva, in realtà la cosa era presa molto sul serio. Per questo ritengo che luoghi come la Sierra Leone siano rappresentativi di un paradigma antropologico dove, insieme alla modernità e ai suoi ‘miti’, convive una realtà profondamente legata alla tradizioni. Da questo punto di vista Ebola ha rappresentato un elemento che ha messo a nudo questa contraddizione, evidenziando che in determinate condizioni, neanche troppo improbabili, gli equilibri si spostano molto velocemente, e mostrano tutta la fragilità di un mondo arcaico che vive sotto l’apparenza di una modernità.

L’Africa è al centro di un peculiare processo di modernizzazione e c’è la percezione diffusa che nell’arco di questo secolo il suo Pil avrà una crescita senza pari. Di tutto ciò, lei quali riflessi ha potuto scorgere in Sierra Leone?

La Sierra Leone ha avuto, a partire dal dopo guerra (2002), un certo sviluppo e, negli ultimi anni, il PIL è cresciuto in modo anche considerevole, con punte del 10%. Ma occorre considerare che la maggior parte di questa crescita era ed è legata all’esportazione delle materie prime di cui è comunque è ricca (oro, diamanti, rutilio, ferro, pesce e forse anche petrolio). Nel numero monografico del dicembre 2014 la rivista The Africa Report disegna gli scenari del futuro per molti paesi africani e si evidenzia come in molti ambiti vi sia innovazione e sviluppo, ma tutto è ancora molto legato alle influenze delle grandi multinazionali e delle politiche economiche di paesi occidentali dominanti. Per quanto riguarda la Sierra Leone lo si può capire se si osservano le dimensioni imponenti che ha l’ambasciata USA sulle colline di Freetown, la capitale della Sierra Leone. La stessa cosa riguarda l’influenza cinese, tenendo conto, ad esempio, degli ospedali e strade che i cinesi hanno costruito in cambio di varie commesse. Una di queste, a nord di Freetown, riguarda il grande investimento fatto per acquisire per 100 anni la grande miniera di ferro nell’area di Boonbuna. Hanno costruito dal nulla l’unica ferrovia del paese, adibita solo al trasporto del materiale ferroso che viene trasportato fino a Pepel e da lì trasferito su enormi navi alla volta della Cina. Cosa rimarrà di quello splendido territorio, fatto di bellissime foreste pluviali, dopo decenni di scavi e di saccheggio della terra? In Sierra Leone l’aspettativa di vita è di 45 anni, ha un livello base di istruzione il 42% della popolazione e un inflazione al 9% (dati di fine 2014, in piena epidemia di Ebola). Eppure la penetrazione delle nuove telecomunicazioni è consistente (hanno un mobile phone il 44% della popolazione!) e gli investimenti esteri ammontano a 579 milioni di dollari. Freetwon è diventata una città senza confini e con due milioni di abitanti; ma al suo interno non vi è nulla della vecchia cultura protettiva del villaggio, per le vie si vedono moltissimi bambini di strada che non hanno più la protezione del villaggio, ma vagano sbandati alla ricerca di un modo per campare. Sono i figli abbandonati che vediamo nei carceri minorili, dove tra gli altri vi è un bambino, condannato a 16 anni di carcere, solo perché, trovato un mitra nella giungla, ha sparato qualche colpo in aria. Penso che la soluzione per un futuro migliore debba necessariamente partire dal basso: costruire cooperative di lavoratori, anche con il sostegno delle tante Organizzazioni Non Governative attive in Sierra Leone, in grado di ampliare il benessere nelle aree più povere e sottosviluppate. Soprattutto, dovrebbe essere ampliato il modello del Welfare, laddove oggi tutto è a pagamento e anche andare a scuola comporta una spesa onerosa per famiglie già indigenti. Purtroppo la percentuale della popolazione che è estranea a qualunque sviluppo è ancora considerevole. Lungo la penisola di Freetown, per andare a Kent, si vedono per strade tanti bambini impegnati a spaccare pietre sotto il sole cocente. FHM ITALIA Onlus e RCRC operano da tempo in questo ambito: cercare di proteggere i bambini e sostenerne l’educazione e la cura, solo attraverso questo processo potrà esservi una speranza e una vita migliore

There’s heightened interest in a place when it becomes a core part of global news coverage

Peter Wonacott, The Wall Street Journal  Africa bureau chief.

wonacott chengdu pix(1)

How did you become interested in Africa in the first place?

My academic and reporting background focused on Asia, China especially. I spent my honeymoon in 2000 climbing Kilimanjaro in Tanzania and going on safari at the Maasai Mara National Reserve in Kenya, but still never thought I would be based in Africa as a journalist. It was only a decade later, when the opportunity came up to open the first WSJ Africa bureau in Johannesburg, that I began to see the similarities between reporting I had done in China and India and what I could do in Africa. I felt I had a perspective that could be useful in telling the story of the continent’s economic opening and the emergence of its middle class, along with a multitude of other stories on security, politics, culture, etc.

What are some common myths about the journalism profession?

That journalists are cynics, always looking for ways to cast their subjects in a negative light. The best journalists are insightful narrators, who look for compelling stories that give meaning to the day’s news and the people behind the news.

Who were the biggest inspirations for your career?

I have many, but can mention a few …My father Paul Wonacott was a widely-traveled lawyer who was endlessly curious and loved to befriend people from different countries – important attributes for any journalist. Reading the books of Sinologist Orville Schell on China’s modernization convinced me journalists were also students of politics, history and culture and the most engaging stories not just informed but instructed. My predecessor in South Asia, Daniel Pearl, abducted and murdered by al Qaeda, was a courageous, witty and humane journalist – it shows in his stories.

The news can have a big impact on people and the decisions it takes. How important is this knowledge in your work?

Extremely important. We think hard, often collectively, about a story’s impact before it’s published. We try to make sure that people who should have a voice in our stories do…even those people who don’t want to speak with us, we try to persuade them the story will be stronger if their point of view is included.
In what way journalism can contribute to the understanding and promotion of African culture?

Whether it’s China’s in the 1990’s or India in the 2000’s, there’s heightened interest in a place when it becomes a core part of global news coverage, as Africa is today. African fashion, art and music have always had a global following, but I think the interest is more mainstream now – perhaps because the artists and the people who are promoting the art are becoming more familiar to our readers.

Do you think that the perception that common people have of Africa is correct or do they need to be made more aware of it?

Clearly the panic in the U.S. and parts of Europe over Ebola shows that many people still have a lot to learn about Africa, not least the vastness and diversity of the continent. I would hope one silver lining of Ebola, and the recent U.S.-Africa Leaders’ summit, is that we better understand how much people have to learn about the continent. The upside to doing so is great. The downside of not doing so is also great.
Africart Org mission is to promote the development of Africa counteracting the lack of information about the high quality of its art and culture: what do you think about this topic?

Mission Possible.  My experience has been the more people know about Africa, including its art and culture, the more they want to learn…Good luck!